arabia1

Gli americani, con i loro alleati, cercano di far cadere Assad, perché secondo le loro informazioni è un dittatore sanguinario, che viola i diritti umani, seminando terrore nel popolo.  Mentre scende il silenzio più assoluto sull’Arabia Saudita, alleata storica degli Stati Uniti, dove le leggi costantemente violano la dignità umana. Per festeggiare l’elezione a presidente del Consiglio Onu per i diritti umani - riferisce una nota di Leone Grotti-, l’Arabia Saudita ha condannato alla decapitazione e alla successiva crocifissione Ali Mohammed Al-Nimr. "Nessuno accetterebbe una sentenza così crudele. È disumano, è disgustoso", ha dichiarato la madre del ragazzo, Nusra al-Ahmed al Guardian.

Arresto e condanna. Al-Nimr aveva solo 17 anni quando nel 2012 è stato arrestato con l’accusa di aver partecipato a una protesta illegale e di essere in possesso di armi da fuoco. Al-Nimr è anche figlio diarabia4 un critico del regime islamico. Secondo molti giornali arabi, il ragazzo avrebbe confessato le sue colpe sotto tortura e il 17 settembre scorso è stato condannato durante un’udienza non aperta al pubblico. La sua uccisione potrebbe avvenire in ogni momento. «Per le altre persone, un’ora è composta da 60 minuti. Per me ogni ora è fatta di 60 colpi di dolore. Ecco come mi sento», continua la madre di Al-Nimr. "Nessun essere umano sano di mente condannerebbe un ragazzo di 17 anni a una pena simile. E perché poi? Non ha versato il sangue di nessuno, non ha rubato nulla. È disumano".

Al-Ahmed ha visitato suo figlio in carcere e "la prima volta non l’ho riconosciuto. Era cambiato completamente, aveva una ferita in fronte, ho capito che durante gli interrogatori l’avevano colpito con calci e schiaffi. Gli sono caduti i denti, ha urinato sangue per un mese. Mi ha detto che gli faceva male tutto". Nonostante questo, Al-Nimr è rimasto forte: "Lui mi ha detto: “Mamma la cosa più importante è che ti fai coraggio. Qualunque cosa mi accadrà, è già accaduta ad altri. Non sono il primo a patire un’ingiustizia”. Se io sono così forte, è per merito di Dio che mi dà questa forza. Se mio figlio è forte, è merito di Dio». La madre del ragazzo, ha terminato la sua intervista video con un appello al presidente degli Stati Uniti, Barack Obama: «Noi non contiamo niente in questo mondo, ma se Obama salva mio figlio, la sua considerazione aumenterà agli occhi di tutti".

a cura dello staff allaquerciadimamre.it

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online