pirri00

Che si tratti o meno di un messaggio choc noi non lo sappiamo. Quello che è certo è che, in 24 ore, ha calamitato l’attenzione di centinaia di persone su Twitter. E’ dal popolare social network, infatti, che don Dino Pirri, ha spedito un bel “vaffa”. Il messaggio, lanciato il 4 novembre, è il seguente: “Noi preti che stiamo in parrocchia e a stento arriviamo a fine mese, possiamo dire vaffanculo a un Cardinale? Oppure è peccato?”, riferendosi probabilmente alle vicende che hanno riempito le cronache degli ultimi giorni sugli affari vaticani. Non voglio entrare nel merito delle intenzioni con cui il sacerdote ha scritto quella frase; forse per attirare l’attenzione e denunciare un comportamento scorretto da chi deve dare l’esempio al gregge. Certamente la “qualità” sacerdotale non si misura con i “mi piace”, le condivisioni, e i retweet. Nella cultura odierna, le opinioni più “cliccate” nei social sono quelle che fanno tendenza, mentre quelle meno visitate, anche se hanno importanza maggiore, non vengono prese in considerazione perché, appunto, non hanno tanti “mi piace”. Scorrendo i motori di ricerca possiamo trovare addirittura siti a pagamento, che permettono di aumentare la “popolarità” e i "mi piace" alle pagine personali e ai relativi post o cinguettii. Questa operazione, però, falsifica la reale consistenza delle idee, e crea nell’immaginario collettivo posizioni che a volte non hanno una applicazione significativa nel vissuto della gente. La tentazione descritta, può portare a creare posizioni ed affermazioni che, pur avendo finalità di bene, aumentano il disorientamento nell’opinione pubblica e lo scandalo nella comunità dei credenti.

Mi pare che Gesù a Zaccheo, riconosciuto come un grande truffatore di denaro altrui, non gli abbia detto:“ci sono altri che non arrivano a fine mese, perché tu hai rubato”, ma “scendi giù dall’albero devo fermarmi a casa tua”. Tutti abbiamo bisogno di conversione. Tutti attendiamo la misericordia di Dio. Dal Signore non ci aspettiamo il dito puntato come gli scribi e i farisei, ma accoglienza e comprensione. La logica di Dio coniuga la verità con la giustizia: “misericordia e verità si incontreranno, giustizia e pace si baceranno e la verità germoglierà sulla terra e la giustizia si affaccerà dal cielo”. Gli episodi contestati, che hanno fatto esplodere la denuncia di don Pirri, sono gravi, inauditi, soprattutto quando i protagonisti principali sono coloro i quali devono dare l’esempio e guidare il popolo nel cammino verso il regno. Cominciamo a costruire la giustizia, la trasparenza, l’onestà, dalle piccole cose, perché chi non è fedele nel poco, non potrà esserlo nel molto.

Per un corretto uso dei social e dei mezzi di comunicazione-. Dalla prospettiva citata, diamo uno sguardo al tema dei mezzi di comunicazione nella vita della Chiesa: “la religione cattolica non si esaurisce in pratiche di culto privato, ma investe l'uomo in tutta la sua vita interiore ed esteriore; polarizzandone interessi e comportamenti verso un fine personale e sociale ultraterreno, ma non per questo estraniandolo dalla storia, bensì impegnandolo a realizzare lo sviluppo umano integrale voluto da Dio, creatore e redentore di tutto l'uomo e di tutto il suo universo. La Chiesa ha dunque la missione, primordiale, essenziale ed irrinunciabile, di comunicare agli uomini il "messaggio della salvezza" non solo trasmettendolo loro nelle fonti scritte, ma anche mediante il suo magistero vivo”.

Quel che la Chiesa auspica è che i contenuti delle "comunicazioni sociali" rispettino sempre l'uomo nella sua integrale realtà esistenziale umana. Perciò che "l'informazione, nel suo contenuto, sia sempre vera e, fatte salve la giustizia e la carità, anche intera"; che nelle opere di ingegno o di arte si ricorra pure "alla narrazione, descrizione e rappresentazione del male morale..., che può indubbiamente contribuire ad una più profonda conoscenza ed analisi dell'uomo, ed a manifestare ed esaltare lo splendore del vero e del bene, oltre che a creare più felici effetti drammatici"; e che in ogni caso, anche "mediante l'uso di questi strumenti, si formino e prevalgano opinioni rette". Il mondo dei mezzi di comunicazione sociale a volte appare come un ambiente ancor più ostile all'evangelizzazione di quello pagano in cui agivano gli apostoli. I comunicatori cristiani hanno un compito profetico, una vocazione: parlare contro i falsi dei e idoli di oggi, il materialismo, l'edonismo, il consumismo, il gretto nazionalismo”.

Don Salvatore Lazzara

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Commenti   

#1 RE: Don Pirri: "possiamo dire v*ff*****o a un Cardinale? Francesca Russo 2015-11-08 00:08
Don Salvatore , non mi permetto di fare catechesi , quanto meno a te . Zaccheo era un pubblicano, nn aveva ricevuto la vocazione , appena chiamato subito è entrato in conversione , e sappiamo come la sua vita è cambiata .
Bertone è Sacerdote , Vescovo , Cardinale ..... mi pare un po' diverso .
A forza di mettere pezze il nostro Abito da Cristiani sta diventando il costume di arlecchino.
Non è bello sentire ancora le interviste che rilascia con giustificazioni a dir poco sconcertanti , non posso dare consigli ma un suo allontanamento e soprattutto l' esproprio di simile appartamento credo sia doveroso .
La misericordia Dio la dona sì la dona il perdono pure , ma ci vuole il PENTIMENTO
Grazie !
#2 La misericordia e il perdonoStaff alla querciadimamre 2015-11-08 18:39
Gentile Francesca, gli insegnamenti di Gesù nel Vangelo, "valgono" sia per coloro che già lo conoscono sia per quelli che ancora sono lontani dalla fede. A maggior ragione, il racconto di Zaccheo riguarda tutti. Essere Cardinali, sacerdoti e vescovi, non significa essere immuni dal peccato, e di conseguenza quando le colpe sono accertate, si è chiamati al pentimento e alla conversione. Certamente coloro che hanno responsabilità nella Chiesa, dovrebbero dare l'esempio. Quindi si rimane scandalizzati per la condotta diametralmente opposta all'ideale predicato da Gesù. Poi se emergono responsabilità penali, amministrative, e soprattutto morali, le autorità preposte, hanno il dovere di prendere i dovuti provvedimenti (come è stato fatto) per sanare il cattivo esempio che hanno dato, sporcando la veste bianca della comunità ecclesiale, lavata nel sangue di Cristo. Ma anche per loro, come l'uomo più lontano dalla fede, il Signore ripete l'invito rivolto a Zaccheo: "scendi, oggi devo fermarmi a casa tua", perchè "Dio non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva".

Don Salvatore

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 45 visitatori e nessun utente online