“Non poteva che essere una preghiera, un canto: una danza. Sì, la vita che danza, osando un cammino prima verso l’alto, un salto perfetto in cuore al Cielo, il mio Spirito esulta in Dio. Avvolti di Infinito la danza può osare di sporgersi sul futuro, il corpo di Maria è uno slancio su ciò che sarà: d’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. La danza rimane sospesa per un attimo, il corpo riacquista equilibrio e poi scende, a baciare la terra: …ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore, ha rovesciato i potenti…. Infine, dopo aver raccolto la linfa del tempo presente e futuro, dopo aver danzato il limite di ciò che è e di ciò che sarà, il Magnificat torna a raccogliere ciò che è stato… perché l’amore non dimentica.

L’amore è memoria: come aveva promesso ai nostri padri, per Abramo e la sua discendenza. Per sempre. Sì, per sempre, l’amore è una danza che promette Infinito. Tutto poggia su quel per sempre. Io non so bene cosa significhi Assunzione di Maria però so che Maria si è assunta con coraggio la responsabilità di dirmi che l’amore è per sempre. E proprio per questo possiamo danzare” (Alessandro Dehò).

magnificat

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 207 visitatori e nessun utente online