Una buona notizia sul fronte pro life arriva da Strasburgo. Secondo la Corte europea per i diritti umani, l’Italia non ha violato la Convenzione europea sui diritti dell’uomo per non aver permesso la donazione a scopo scientifico di embrioni umani ottenuti attraverso la fecondazione in vitro. Il caso nasce dal ricorso di Adelina Parrillo che, nel 2002 aveva ricorso alla fecondazione artificiale assieme al suo compagno, ottenendo cinque embrioni. Questi ultimi, tuttavia, non furono mai impiantati, essendo l’uomo morto nell’attentato di Nassyriah nel novembre 2003. Se vuoi approfondire la notizia, clicca qui.

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Visitatori online

Abbiamo 61 visitatori e nessun utente online