ko1aa

Si è spento ieri, alle 13.30, all’età di 91 anni il cardinale gesuita Ján Chryzostom Korec, vescovo emerito di Nitra, nella Repubblica Slovacca, e figura di primissimo piano della lotta della Chiesa cattolica per la libertà e la democrazia in Cecoslovacchia durante il regime comunista. Ne dà notizia l’Ufficio stampa della Conferenza episcopale slovacca.

Ordinato vescovo clandestinamente nel 1951 all’età di 27 anni. Il card.  Korec era nato Bosany, nella diocesi di Nitra, il 22 gennaio 1924. Entrato nella Compagnia di Gesù il 15 settembre 1939, interruppe gli studi filosofici nel 1950, in seguito alla soppressione degli Ordini Religiosi ad opera del regime comunista. Ordinato sacerdote il primo ottobre 1950, il 24 agosto 1951, a 27 anni, ricevette clandestinamente l'ordinazione episcopale da mons. Pavel Hnilica. In fabbrica per nove anni consecutivi, svolse clandestinamente la sua missione di sacerdote e di vescovo senza essere scoperto, fino all’arresto e alla condanna, l'11 marzo 1960, a 12 anni di carcere per tradimento.  In carcere incontrò circa 200 sacerdoti e 6 vescovi.

Condannato a 12 anni di carcere. Fu liberato nel 1968, durante la Primavera di Praga, gravemente malato. In quell'anno, per la prima volta, celebrò la Messa in pubblico. Riabilitato nel 1969, ottenne il passaporto per Roma dove incontrò Papa Paolo VI in una visita da lui definita “commovente”. In quell'occasione ricevette ufficialmente le insegne vescovili, 18 anni dopo la sua ordinazione episcopale, ma le poté indossare pubblicamente solo nel 1989. Dopo la scarcerazione lavorò come spazzino a Bratislava, poi come operaio in un'industria chimica. Durante gli anni di prigionia, celebrava ogni giorno la Santa Messa. Erano soprattutto i giovani che pregavano con lui. Ma l'esperienza più dura è stato l'isolamento. Questa la sua testimonianza personale: «Sicuramente fu questa la più terribile delle punizioni. Dopo la Santa Messa cominciava il programma di studio: ripassavo a memoria testi di teologia e di filosofia, discutendo ad alta voce come se mi trovassi all'università, davanti ai professori. Quando mi sentivo stanco mi distendevo con canti religiosi. Poi continuavo a studiare e pregare. Arrivava la sera senza che io avessi potuto svolgere tutto il programma che mi ero fissato. Quando poi, dalla cella d'isolamento, venivo trasferito di nuovo nella cella comune, mi sentivo spiritualmente più forte come se avessi realmente compiuto un corso di esercizi spirituali». La sua riabilitazione fu annullata nel 1974 e venne nuovamente condannato a quattro anni di carcere. Scarcerato ancora per motivi di salute, perse l'impiego di spazzino e restò disoccupato, in seguito riprese il lavoro all'industria chimica fino al 1984. Sotto il regime comunista Ján Chryzostom Korec ordinò clandestinamente circa 120 sacerdoti.

Elevato al cardinalato nel 1991. Vescovo di Nitra dal 6 febbraio 1990 al 9 giugno 2005 e presidente della Conferenza Episcopale slovacca dal 1990 al 1993, fu elevato alla dignità cardinalizia da San Giovanni Paolo II nel concistoro del 28 giugno 1991, ricevendo il titolo dei Santi Fabiano e Venanzio a Villa Fiorelli. Autore di numerosi volumi, tra i quali il celebre “La notte dei barbari” tradotto in diverse lingue (“The Night of the Barbarians : Memoirs of the Communist Persecution of the Slovak Cardinal -  “Die Nacht der Barbaren-Als Geheimbischof in der Kirche des Schweigens 1950–1970”), nonostante l’età avanzata e i problemi di salute, il card. Korec ha continuato ad essere considerato come una delle più autorevoli figure e autorità morali della società slovacca. Nel 2014, in occasione del suo 90° compleanno le Poste slovacche gli hanno dedicato uno speciale annullo postale commemorativo.

In un’intervista rilasciata al giornale "CAS" (Il Tempo) nell'aprile del 1990, Korec rilevava di aver paura soltanto dell'orgoglio degli uomini, dei gruppi e dei popoli... «Se si vive il comandamento dell'amore, si cambia la gente che è in prigione». E, in un'altra intervista rilasciata a "La Civiltà Cattolica" (21 febbraio 1987), così rispondeva al giornalista che gli chiedeva alcuni particolari della sua vita passata: «Non mi attribuisco grandi meriti. Più gli anni passano, più vedo chiaro che tutto ciò che ha importanza appartiene alla grazia, cioè a Dio». Nel 2014, in occasione del suo 90° compleanno le Poste slovacche gli hanno dedicato uno speciale annullo postale commemorativo.

aew cura di Don Salvatore Lazzara

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 56 visitatori e nessun utente online