rapiti

Almeno 60 cristiani, tra cui donne e bambini, sono tra i 230 civili siriani rapiti dai miliziani dello Stato islamico dopo la conquista di una cittadina nella provincia di Homs, nella Siria centrale. I jihadisti sono entrati ad al-Qaryatain mercoledì sera. Molti dei cristiani erano sfollati dalla provincia di Aleppo. I cristiani sequestrati, erano ricercati dai miliziani per "collaborazionismo con il regime" ed erano su una lista di nomi usata dai miliziani durante il rastrellamento. Alcune famiglie che avevano cercato di fuggire sono state catturate.

Nello stesso luogo, ad al-Qaryatain, nel monastero di Mar Elian (Dar Alyan), a maggio venne rapito il priore, padre Jacques Murad. Stava preparando aiuti per un gruppo di sfollati da Palmira. Al-Qaryatain si trova al confine tra i territori controllati dall'Is nelle campagne orientali di Homs e la zona occidentale di Qalamun. Prima della guerra accoglieva 18.000 abitanti, tra molti sunniti, 2.000 siro-cattolici e cristiani cattolici e ortodossi, ma da alcune stime i cristiani rimasti sono solo 300.

È un vecchio "ricordo triste" quello che torna alla memoria di monsignor Zenari, che non conferma né smentisce la notizia odierna lanciata dal discusso Osservatorio, che parla dalla sede di Londra, sulle basi di notizie alterate, fornite dai terroristi, di cui sono alleati.

Per il patriarca Younan: si tratta di pulizia religiosa. "Noi non parliamo di etnie, perché noi siamo della stessa etnia di coloro che sono musulmani in Siria. È una pulizia religiosa!", ha detto ai microfoni di Radio Vaticana il patriarca della Chiesa siro-cattolica Ignace Youssif III Younan.

I "vostri governanti", prosegue, "non ne vogliono sapere niente! A loro importa poco della libertà religiosa di queste comunità, che sono riuscite a sopravvivere per centinaia di anni proprio perché attaccate al loro Salvatore e al Vangelo. È una pulizia religiosa! Non ci vogliono! Tutto questo è colpa di quei governanti machiavellici, che pensano solamente a cercare le opportunità economiche e che pensano che se quella gente - senza alcuna difesa, innocente - può rimanere che rimanga; se non può rimanere, che allora prenda il mare".

"Come è riuscito lo Stato Islamico ad arrivare lì, come è riuscito ad entrare e penetrare a Qaryatain, dove c`era l`esercito?", domanda ancora il patriarca siro-cattolico. "Gli stessi abitanti, i sunniti, che sono pro questi terroristi, aspettavano solo il momento per attaccare i soldati".

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 22 visitatori e nessun utente online