india

Soltanto nei primi sei mesi dell’anno, nello Stato del Madhya Pradesh, in India, sono già stati una ventina i casi di violenza perpetrata contro i Cristiani. I Vescovi cattolici della regione si sono riuniti in sessione straordinaria per due giorni (nella foto) a Bhopal per trattare in modo approfondito la questione da loro definita «deplorevole». Lo scorso 13 agosto hanno lanciato un appello, chiedendo delle misure immediate, affinché abbiano a cessare le persecuzioni contro i fedeli, accusati di «proselitismo» dagli induisti per giustificare i propri attentati: «Noi non cederemo ad alcuna pressione, né ad alcuna minaccia», hanno affermato i prelati.

La regione è governata da dodici anni dal Bjp, il Bharatiya Janata, partito dichiaratamente filo-induista: abusi e violenze sono aumentati da quando è salita al potere questa formazione, rafforzata purtroppo dalla vittoria elettorale conseguita lo scorso anno anche in ambito nazionale. Basti pensare che qui l’eventuale conversione religiosa è illegale quando non sia permessa dal governo, nonché punibile con una sanzione ed anche col carcere. Ciò, nonostante la Costituzione indiana permetta formalmente di convertirsi e consenta tanto la libertà religiosa quanto l’evangelizzazione; ma padre Shaji Stanislaus, addetto alle pubbliche relazioni della locale Conferenza episcopale, ha notato come, a causa di ciò, si possa esser comunque trascinati in tribunale.

I Cattolici, che rappresentano meno dell’1% su una popolazione di 75 milioni di abitanti, vivono in condizioni di terrore permanente. Una percentuale destinata peraltro a diminuire ulteriormente, stante l’atteggiamento ostile registrato nei suoi confronti: è quanto avvenuto negli ultimi dieci anni, come evidenziato dal Vescovo di Jabalpur, mons. Gerald Almeida, che ha anche lamentato i metodi utilizzati per le aggressioni. Lo scorso mese di marzo, un gruppo induista ha fatto irruzione in una scuola cattolica della sua Diocesi ed ha malmenato i fedeli riunitisi per la preghiera comunitaria della sera. L’edificio è inoltre stato distrutto. Non solo: le varie opere ed iniziative di assistenza sociale ed umanitaria messe in campo dalla Chiesa, benché essenziali, vengono comunque guardate con sospetto, poiché sono ritenute “mezzi fraudolenti”, per convertire poveri e popolazioni tribali al Cristianesimo.

Fonte: nocristianofobia.org

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 43 visitatori e nessun utente online