porta

Dopo l’orazione di Comunione, il Santo Padre, indossa il piviale già usato da San Giovanni Paolo II, mentre il diacono esorta l’assemblea, ad aprire il cuore al Signore: “animati dalla fede in gesù, nostro Salvatore, e custoditi dalla Beata Vergine Maria Immacolata, inauguriamo il Giubileo Straordinario della Misericordia. Si apre davanti a oi la Porta Santa: è Cristo stesso che, attraverso il ministero della Chiesa, ci introduce nel consolante mistero dell’amore di Dio, amore senza misura che abbraccia l’umanità intera. Disponiamo il nostro cuore all’azione dello Spirito Santo, desiderosi di corrispondere, con gioiosa prontezza alla comune vocazione cristiana: la santità”.

I ministri, i concelebranti, entrati nell’atrio della Basilica di San Pietro, accompagnati dall’invocazione: “misericordias Domini, in aeternum cantabo!” dove si trova la “Porta Santa”, il Santo Padre saluta e accoglie con un abbraccio caloroso Benedetto XVI e lo ringrazia per la sua presenza. Poi davanti alla porta recita una preghiera di invocazione al Padre al Figlio e allo Spirito, a termine invoca in un solenne dialogo con l’assemblea: “E’ questa la porta del Signore. Risposta: per essa entrano i giusti. Apritemi le porte della giustizia: vi entrerò per ringraziare il Signore. Per la tua grande misericordia entrerò nella tua casa, Signore. Mi prostrerò verso il tuo tempio santo”. Il Santo Padre, in silenzio, sale i gradini, apre la Porta Santa e sosta in preghiera sulla soglia. Quindi entra solo e per primo nella Basilica. Dopo Francesco varca la porta della misericordia Benedetto XVI. Quante emozioni! La Chiesa vive nel tempo e nella storia, e annuncia senza sosta la salvezza di Dio, che chiama dalle tenebre al suo regno di luce. Il Signore è presente, e dona la misericordia a quanti la invocano e la cercano con cuore sincero. Il Papa giunto davanti all’altare della confessione prega con la seguente formula: “Padre santo, ricco di misericordia e grande nell’amore, ti lodiamo con tutto il cuore e ti rendiamo grazie per la sovrabbondanza dei tuoi doni. Guarda a noi, che in questo giorno abbiamo aperto la Porta Santa e lieti abbiamo dato inizio al tempo giubilare. Concedi, ti preghiamo, a tutti coloro che varcheranno la Porta della Misericordia, con animo pentito, rinnovato impegno e filiale fiducia, di fare viva esperienza della tua tenerezza paterna e di ricevere la grazia del perdono per testimoniare, in parole e opere, il volto della tua misericordia, Gesù Cristo nostro Signore”. Il rito si conclude con la solenne Benedizione.

Don Salvatore Lazzara 

APERTURA DELLA PORTA SANTA

Per vedere questa risorsa audio/video accetta i c o o k i e di "terze parti" (mappe, video e plugin social). Se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa.
Accetta c o o k i e di "terze parti" (mappe, video e plugin social)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 18 visitatori e nessun utente online