Secondo una nota di Vatican insider, dopo Cuba e gli Stati Uniti, durante il suo viaggio nella Repubblica Centrafricana, in programma a novembre, Papa Francesco visiterà la moschea del Km 5, che due anni fa fu devastata nel corso dei sanguinosi scontri fra le milizie "cristiane" degli anti-Balaka e i ribelli islamici dei Seleka.

Ad anticiparlo a Tv2000 e inBlu Radio è stato l'arcivescovo della capitale Bangui, mons. Dieudonné Nzapalainga, presidente della Conferenza episcopale centrafricana.

«Il Papa – ha raccontato mons. Nzapalainga - andrà anche là», nella moschea del Km 5, pericoloso quartiere arabo di Bangui, «per dire a noi che siamo i responsabili religiosi di promuovere la pace, la riconciliazione e vivere insieme. E noi l’abbiamo fatto per mesi, per anni. E ora il Papa vogliamo che percorra quelle strade. Per dire anche che questa guerra, in nessun caso è religiosa ma piuttosto militare e politica».

La moschea del km 5 si trova in uno dei quartieri arabi ancora considerato più a rischio per la sicurezza. E questo della sicurezza è anche uno dei problemi che stanno considerando con più attenzione gli organizzatori del viaggio.

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 46 visitatori e nessun utente online