turchi

Contrariamente alla politica aggressiva di Erdogan nei confronti della Siria, il popolo dal basso propone un modello fraterno molto commovente. Le altisonanti dichiarazioni dei potenti, non riuscirebbero a mettere in atto "accoglienza" migliore, nei confronti di quanti fuggono dagli orrori dello stato islamico.

Rinunciare ad un lussuoso banchetto per festeggiare il proprio matrimonio in compagnia di 4.000 profughi siriani in fuga dall'Isis. Ha commosso il web la storia di Fethullah ed Esra, due sposini turchi che hanno deciso di donare i soldi faticosamente risparmiati dalle loro famiglie per la festa di nozze agli abitanti di un campo vicino Kilis, la città turca al confine con la Siria dove è più alto l'afflusso di persone che scappano dall'avanzata dello Stato islamico.

Tradizionalmente le nozze in Turchia si festeggiano dal martedì al giovedì e culminano con un sontuoso banchetto. Invece, la coppia ha deciso di contattare l'organizzazione Kimse Yok Mu, che si occupa dei rifugiati, e darle tutti i suoi risparmi. Le foto di Esra in abito bianco e oro e Fethullah in smoking che offrivano un pasto caldo ad ognuno dei rifugiati hanno fatto il giro dei social media e dei giornali turchi. A bordo di un 'camion bar' la coppia ha servito i loro 'invitati'. E poi ha posato sorridente in compagnia di un gruppo di bambini. L'idea di un "matrimonio diverso" è venuta per primo al padre dello sposo: "Ho pensato che consumare una cena deliziosa con i nostri amici e la nostra famiglia non era necessario, soprattutto sapendo che ci sono tante persone bisognose vicino a noi".

Davanti alla proposta del padre, Fethullah non ha avuto un attimo di esitazione. "E' stato il momento più bello della mia vita. Vedere la felicità negli occhi dei bambini siriani è stato impagabile. Abbiamo cominciato il nostro viaggio verso la felicità rendendo felici altre persone. E questa è una sensazione impagabile". Meno entusiasta era la sposa, ma solo in un primo momento.

"Quando Fethullah me l'ha detto sono rimasta scioccata, ma dopo mi sono convinta. E' stata un'esperienza meravigliosa". E chissà che al loro atto di amore verso il prossimo non ne seguano altri, in una regione tra le più devastate dagli effetti della furia dell'Isis dove presto sarà costruito un nuovo campo per ospitare fino a 55mila rifugiati siriani. "I nostri amici", ha raccontato lo sposo, "hanno detto che il nostro gesto li ha ispirati e adesso vogliono organizzare una festa simile per il loro matrimonio".

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 156 visitatori e nessun utente online