Mentre secondo alcune fonti Boko Haram starebbe arretrando in Nigeria, sempre più drammatica è l’espansione del gruppo terrorista in Ciad. La denuncia arriva dall’ONU, che segnala un preoccupante esodo di massa all’interno del paese per sfuggire alle razzie e agli eccidi. “Le comunità hanno assistito a atrocità e violenze indicibili: intere famiglie sono sradicate e devono far fronte a una situazione umanitaria estremamente precaria”, ha affermato Toby Lanzer, responsabile delle Nazioni Unite per le operazioni umanitarie nel Sahel.

Secondo dati dell’ONU, circa 41mila persone hanno dovuto sfollare le isole del Lago Ciad per rifugiarsi nelle più sicure località dell’entroterra. Le incursioni di Boko Haram in quest’area hanno seriamente compromesso anche le attività agricole. “Senza sostegno finanziario aggiuntivo – ha aggiunto Lanzer – la situazione umanitaria in Ciad rischia di degradarsi seriamente”. Per fronteggiare l’emergenza, sono necessari 572 milioni ma, secondo le Nazioni Unite, di tale cifra, solo il 35% è a disposizione, afferma una notza di zenit.org.

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 28 visitatori e nessun utente online