gender

Riporto l’intervento dell’Avv. Giancarlo Cerrelli (qui sotto è visibile nel video), lanciato due anni addietro su Rai Uno, nel programma Uno Mattina, per ricordare come è iniziata la lotta contro la teoria gender allora ai più sconosciuta, ma da tempo ben radicata e strutturata nelle menti di quanti avevano pianificato il progetto di decostruzione antropologica, di cui oggi vediamo purtroppo i risultati. Le recenti polemiche sull’introduzione del gender nel sistema scolastico, sono state soltanto la conclusione amara di ciò che già negli istituti educativi italiani accadeva: i libri  -cosiddetti anti discriminazione-, introdotti arbitrariamente nelle elementari di Venezia dalla Seibezzi, i “giochi del dottore” praticati ai bambini all’insaputa dei genitori, le linee educative emanate  dal fantomatico UNAR insieme alle disposizioni impartite ai giornalisti ad usare un linguaggio alternativo e liquido per non turbare l’opinione pubblica, e tante altre tristi storie, sono il frutto di una lunga stagione di manipolazione mentale e sociale. Non sono mancati gli attacchi a quanti hanno messo in luce la pericolosità del gender per il futuro dell’umanità. Ora siamo arrivati alla lotta a viso scoperto: quanti nel passato sono stati i fautori e i sostenitori della teoria gender, oggi, ne negano l’esistenza, attaccando la Chiesa Cattolica di aver inventato il gender per creare e seminare un clima di odio e disperazione. Ecco il resoconto dell’Avvocato Cerrelli:

“Sono passati esattamente 2 anni - era infatti il 20 agosto 2013 - da quando fui invitato dalla RAI, a partecipare alla trasmissione Uno Mattina, per parlare della legge anti-omofobia. Durante la trasmissione accennai anche alla pericolosità dell'ideologia "gender". È importante rilevare che 2 anni fa il termine "gender" era sconosciuto ai più. Il mondo cattolico era in gran parte parte ignaro del progetto di decostruzione antropologica a cui mira il "gender".  Dopo la trasmissione è stata presentata, contro di me, un'interpellanza alla Commissione di Vigilanza RAI da parte di gruppi LGBT. Credo che questo evento sia stato importante perché, da quel momento, si è iniziato a comprendere che era necessario reagire alla dittatura "gender".

Per vedere questa risorsa audio/video accetta i c o o k i e di "terze parti" (mappe, video e plugin social). Se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa.
Accetta c o o k i e di "terze parti" (mappe, video e plugin social)

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Visitatori online

Abbiamo 29 visitatori e nessun utente online