poli

Chi pensa a una famiglia numerosa, pensa – per esempio – a una famiglia con 4 o 5 figli? Roba vecchia. Roba arcaica e stereotipata. Anche un po’ omofoba o quanto meno eterosessista. Oggi le nuove “famiglie” numerose, quelle che meritano rispetto, tutela sociale e considerazione legale, che vanno prese a modello per le nuove generazioni, hanno magari un solo figlio, ma ben 5 genitori. E’ sin troppo facile ironizzare su una cosa del genere che, invece, è presa molto sul serio da i guru del politicamente corretto; e tutto ciò a noi “arcaici” risulta sinceramente piuttosto inquietante.

Basta leggere il tono degli articoli che parlano della vicenda di Dewi, Sjoerd, Jaco, Sean, e Daantje, due donne e tre uomini olandesi  che “stanno per avere un bambino”. Daantje partorirà il piccolo, figlio di non si sa chi. Certamente non di sua “moglie” Dewi. Gli altri tre sono uomini, due dei quali sono sposati tra loro e si rammaricano di non poter includere il terzo nel patto matrimoniale, perché la legge olandese è così retrograda che consente il matrimonio agli omosessuali, sì, ma solo due alla volta (del matrimonio a tre abbiamo già parlato in passato).

Il gruppo è orgoglioso: 5 genitori con uguali diritti e responsabilità, tutto a “beneficio” del bambino che sta per nascere. I maschi vivono da una parte e le femmine da un’altra: il bambino avrà un “genitore legale” in ciascuna delle due case (sempre nel suo interesse, ovviamente). Così se i “papà” o le “mamme” se ne vanno in vacanza col piccolo separatamente, non avranno problemi legali a portarselo fuori del Paese.

Risparmiamo i dettagli su come il piccolo sia stato concepito: gli uomini attendevano nella stanza a fianco con una fiale di sperma che la mamma avesse un orgasmo per procedere all’inseminazione artificiale: così c’erano più probabilità che avvenisse il concepimento. Da notare invece la considerazione riportata con sussiego: il sesso praticato ai fini del concepimento è molto meno divertente del sesso libero da certi ingombranti scopi finali…

Ma tant’è. Abbiamo letto dei sociologi che dicono che entro 50 anni la famiglia naturale, come la consideriamo ora, non esisterà più. Evidentemente non sono previsioni tanto campate in aria. E del resto, che vogliamo farci? “Love is love” …

 Redazione notizie provita

___________________________________

Fonte: notizieprovita.it

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 32 visitatori e nessun utente online