Paolo VI CVII

Tra poco papa Francesco parlerà all'Onu. Al centro i due temi di quest'Assemblea generale: il Millennium Goal (lotta alla povertà) dai risultati molto controversi; e la preparazione del summit sul clima a dicembre a Parigi. Diseguaglianze, sviluppo capitalistico squilibrato, saccheggio dell'ambiente: è un'Assemblea ONU fatta su misura per questo Papa, autore dell’enciclica “Laudato sii”, sulla casa comune e la custodia dell’ambiente. Con il suo discorso, definito da molti osservatori “storico”, celebra anche un altro anniversario oltre ai 70 anni dell'ONU. Mezzo secolo fa, al Palazzo di Vetro parlò Paolo VI, il papa del rinnovamento della Chiesa. Papa Francesco è il quarto Pontefice a tenere un discorso all'assemblea delle Nazioni Unite. Prima di lui, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI.

Il primo pontefice a visitare l'ONU fu Paolo VI, il 4 ottobre 1965. Montini è il Papa di tante “prime volte”: del primo viaggio apostolico in aereo verso la Terra Santa, dell’abbraccio al patriarca Atenagora, della rinuncia alla tiara papale, del sinodo dei vescovi, della prima messa in un impianto industriale, nell’Italsider di Taranto accanto agli operai, della giornata mondiale per la pace, il primo a visitare i cinque continenti, il primo a disporre un funerale sobrio, in una semplice bara di legno su cui viene posato un Vangelo sfogliato dal vento, in una tomba nella nuda terra con il solo nome impresso sulla pietra.

Quattro sono i punti propositivi del messaggio papale all’indomani del Concilio Vaticano II. L’Onu deve offrire al pluralismo degli Stati una formula di convivenza pacifica. L’organizzazione esiste e opera per unire le Nazioni, per collegare gli Stati, per mettere insieme gli uni con gli altri, per gettare ponti fra i popoli. L’Onu deve seguire la formula della eguaglianza, cioè nessuno potrà essere superiore agli altri: non l’uno sopra l’altro, non gli uni contro gli altri. Infine, la formula cristiana e operativa per l’edificazione della pace, che non si costruisce soltanto con la politica e con l’equilibrio delle forze e degli interessi, bensì con lo spirito, con le idee, con le opere della pace. Bisogna lasciar cadere le armi, come si stava dicendo nell’aula conciliare. Paolo VI era consapevole che dire uomo significava riportarlo a Dio, far riscoprire quella tensione verso la verità che da sempre ha caratterizzato il cammino dell’umanità.

Il Papa si rivolse ai membri delle Nazioni Unite come "architetti della pace" proclamando il suo solenne "Mai più la guerra". Ecco alcune righe del discorso storico all’ONU che rimane di grande attualità: “E allora il Nostro messaggio raggiunge il suo vertice; il vertice negativo. Voi attendete da Noi questa parola, che non può svestirsi di gravità e di solennità: non gli uni contro gli altri, non più, non mai! A questo scopo principalmente è sorta l’Organizzazione delle Nazioni Unite; contro la guerra e per la pace ! Ascoltate le chiare parole d’un grande scomparso, di John Kennedy, che quattro anni or sono proclamava: “L’umanità deve porre fine alla guerra, o la guerra porrà fine all’umanità”. Non occorrono molte parole per proclamare questo sommo fine di questa istituzione. Basta ricordare che il sangue di milioni di uomini e innumerevoli e inaudite sofferenze, inutili stragi e formidabili rovine sanciscono il patto che vi unisce, con un giuramento che deve cambiare la storia futura del mondo: non più la guerra, non più la guerra! La pace, la pace deve guidare le sorti dei Popoli e dell’intera umanità!”.

Don Salvatore Lazzara
farodiroma.it

La foto di Paolo VI è di Lothar Wolleh [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

N.B. - I commenti potrebbero tardare alcuni secondi prima di apparire.

Solo gli utenti registrati possono inserire commenti!

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Visitatori online

Abbiamo 86 visitatori e nessun utente online