Chiesa

giubileo11

Quanti hanno cercato di mettere in contrapposizione il magistero dei Pontefici, oggi hanno avuto la prova del contrario. Papa Francesco conferma la linea indicata nel luglio 2005 da Benedetto XVI ai preti della Valle d'Aosta: se manca una fede matura il sacramento del matrimonio è invalido e dunque si deve dichiararlo nullo. Ora alla riflessione di Ratzinger, Papa Francesco con i “motu proprio” stabilisce su come si possano istruire processi più rapidi anche nel caso che il matrimonio sia invalido per mancanza di fede. E’ opportuno riportare quella famosa risposta, per riallacciare la lunga catena della tradizione della Chiesa, mai interrotta o modificata dai successori dell'Apostolo Pietro:

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

cristiani

Tanti cristiani continuano ad essere perseguitati nel silenzio complice di tante potenze. Il Santo Padre, torna ancora una volta a parlare delle persecuzioni dei cristiani nell'omelia della messa di Santa Marta, che ha concelebrato con il nuovo patriarca di Cilicia degli Armeni, Gregorio Pietro XX Ghabroyan, al quale il Papa aveva concesso la comunione ecclesiastica lo scorso luglio e che oggi ha compiuto con lui il rito dello scambio delle sacre specie. Ecco il testo dell’omelia:

“Cari fratelli e sorelle, non c’è cristianesimo senza persecuzione! Ricordatevi l’ultima delle Beatitudini: quando vi porteranno nelle sinagoghe, vi perseguiteranno, vi insulteranno, questo è il destino del cristiano. E oggi, davanti a questo fatto che accade nel mondo, col silenzio complice di tante potenze che potevano fermarlo, siamo davanti a questo destino cristiano. Andare sulla stessa strada di Gesù”. Il Papa ricorda “una delle tante grandi persecuzioni, quella del popolo armeno”: “La prima nazione che si è convertita al cristianesimo: la prima. Perseguitata soltanto per il fatto di essere cristiani. Noi oggi, sui giornali, sentiamo orrore per quello che fanno alcuni gruppi terroristici, che sgozzano la gente solo per essere cristiani… Pensiamo a questi martiri egiziani, ultimamente, sulle coste libiche, che sono stati sgozzati mentre pronunciavano il nome di Gesù”.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

sara

Ho letto “Dio o niente” con grande profitto spirituale, gioia e gratitudine». Lo ha scritto il papa emerito, Benedetto XVI, al cardinale Sarah, dopo aver letto il libro-intervista che il porporato africano ha pubblicato con il giornalista francese Nicolas Diat (clicca qui). Il testo, dopo essere uscito in francese, viene ora pubblicato in diverse lingue, fra cui inglese, editore Ignatius press, e italiano, Cantagalli. Di questo biglietto di papa Ratzinger a Sarah ha dato notizia Sandro Magister nel suo blog, riportando una frase importante di questa missiva.  «La sua coraggiosa risposta ai problemi della teoria del genere», scrive Ratzinger a Sarah, «mette in chiaro in un mondo obnubilato una fondamentale questione antropologica».

D'altra parte, l'allora papa Benedetto XVI non aveva esitato a definire «profondamente erronea» la cosiddetta teoria del gender, in un celebre discorso rivolto alla Curia romana nel dicembre 2012. «La profonda erroneità di questa teoria e della rivoluzione antropologica in essa soggiacente è evidente», disse Ratzinger. «L’uomo contesta di avere una natura precostituita dalla sua corporeità, che caratterizza l’essere umano. Nega la propria natura e decide che essa non gli è data come fatto precostituito, ma che è lui stesso a crearsela». Molti si sono chiesti quali altre parole Benedetto XVI potesse aver scritto nella lettera al cardinale Sarah, qualcuno aveva vociferato che lo scritto del Papa emerito potesse essere stato pubblicato come prefazione in una qualche edizione fra le tante che vengono date alle stampe nella varie lingue. Si pensava a quella in lingua tedesca, ma in questo caso la prefazione è firmata da monsignor Georg Ganswein, attuale prefetto della Casa Pontificia e storico segretario di papa Benedetto XVI.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

salette11

La storia di La Salette-. In questo articolo intendo parlare della apparizione della Madonna sulla montagna del La Salette, (paesino del Delfinato, poco distante da Corps, sulla strada tra Grenoble e Gap), perché il messaggio della Santa Vergine è insieme molto attuale e poco noto: la sua diffusione, infatti, fu ostacolata a causa del contenuto, in particolare di quella parte che oggi ci riguarda piú da vicino. Il 19 settembre 1846 Melania Calvat, assieme a Massimo Giraud, raccontarono di aver ricevuto un messaggio e un segreto durante una apparizione della Madonna. Dal 1860 Melania, poi entrata in convento con il nome di Maria della Croce – Vittima di Gesú, procedette a diverse redazioni del suo segreto, finché ne venne dichiarata autentica una, pubblicata nel 1879 con l’imprimatur del Vescovo di Lecce, mentre l’autorità ecclesiastica francese per qualche tempo non volle concedere il riconoscimento ecclesiastico.

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

giubileo

E’ stata resa nota la lettera del Papa a Mons. Rino Fisichella, nella quale per il Giubileo della Misericordia, ha sottolineato l’importanza della salvezza delle anime, come legge suprema che deve guidare l’azione e l’attenzione della Chiesa e dei suoi pastori. Di seguito illustriamo i tre contenuti principali della lettera:

Per vedere i pulsanti di condivisione per i social (Facebook, Twitter ecc.), accetta i c o o k i e di "terze parti" relativi a mappe, video e plugin social (se prima di accettare vuoi saperne di più sui c o o k i e di questo sito, leggi l'informativa estesa).
Accetta c o o k i e di "terze parti"

Sottocategorie

Siti amici

Da Porta Sant'Anna ZENIT - Il mondo visto da Roma Giuliano Guzzo Sponda Sud News Tempi Faro di Roma La Manif Pour Tous Italia La nuova Bussola Quotidiana Comitato Articolo 26 - Roma No Cristianofobia Sentinelle in piedi UCCR | Unione Cristiani Cattolici Razionali Notizie ProVita

Caro lettore, la gestione di questo sito comporta diverse spese (libri, riviste, connessione internet, dominio Web ecc.). Se apprezzi il mio lavoro, puoi contribuire con una libera donazione.
Grazie.

Fai una donazione
con PayPal

Alla quercia di Mamre

Seguici anche su Twitter

Seguici anche su Facebook

Visitatori online

Abbiamo 121 visitatori e nessun utente online